Dott.ssa Laura Compagnone - Psicologa Psicoterapeuta - Catania | Psicologa Psicoterapeuta - Catania
14869
home,page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-14869,ajax_leftright,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode-title-hidden,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-13.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
psi_logo

Psicologa e Psicoterapeuta Funzionale

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna aliquam erat volutpat. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna aliquam erat volutpat.

psicoterapia
PSICOLOGIA E PSICOTERAPIA
scolastica
PSICOLOGIA SCOLASTICA
benessere
STRESS E BENESSERE
azienda
AZIENDE E FORMAZIONE

Servizi e trattamenti

  • Depressione e stati depressivi: tristezza profonda; senso di vuoto; senso di inutilità; fatica nell’affrontare la vita di tutti i giorni; sintomi fisici come mancanza di appetito, insonnia, stanchezza, spossatezza.
  • Ansia ed attacchi di panico: Ansia che pervade ogni momento della propria giornata, specifiche situazioni o ambiti di vita; limitazioni nella libertà di movimento; paure specifiche verso una particolare situazione.
  • Difficoltà con la famiglia d’origine: Rapporti tesi con la propria famiglia d’origine; difficoltà rispetto al conseguimento di una propria vita adulta autonoma rispetto alla famiglia d’origine.
  • Difficoltà nelle relazioni interpersonali: Timore del giudizio altrui; forte timidezza che genera inibizione; sentirsi bloccati; frequenti vissuti di rabbia; paura della competizione.
  • Difficoltà nelle relazioni sentimentali: Timore del coinvolgimento affettivo; difficoltà a creare relazioni sentimentali stabili; difficoltà nella relazione sentimentale attuale; problematiche emotive connesse a malattie organiche.
  • Disturbi del comportamento alimentare: Anoressia e bulimia nervosa; disturbo da alimentazione incontrollata; disturbi della nutrizione.
  • Problemi di autostima, insicurezza e difficoltà a prendere decisioni: Insicurezza marcata in uno o più aspetti della propria vita; non ritenersi all’altezza; non considerarsi di valore; non sentirsi considerati dagli altri; paura a decidere.
  • Problemi sessuali: mancanza di desiderio sessuale; assenza di piacere, difficoltà di vario genere durante l’atto sessuale.
  • Situazioni di lutto: Problematiche emotive rispetto a lutti attuali; difficoltà nell’elaborazione di un lutto passato.
  • Traumi: Traumi singoli, reiterati o anche “minori” ma che hanno condizionato lo sviluppo della personalità (es. incidenti per cause umane o naturali, traumi sessuali dell’età adulta o vissuti in infanzia/adolescenza, maltrattamenti fisici, lutti in età adulta o vissuti in infanzia/adolescenza).

  • Crisi rispetto alla propria identità
  • Crisi rispetto al proprio progetto di vita: non sapere in che direzione andare, non sapere cosa volere.
  • Stati di isolamento: chiusura in sé stessi; non voler uscire di casa; utilizzo eccessivo di pc e smartphone.
  • Disagio nella relazione con i pari: eccessiva timidezza o al contrario rabbia verso gli altri; pensare di non contare per nessuno o nessuno che ascolta; difficoltà a farsi degli amici o a stare bene con quelli di sempre.
  • Sofferenze in campo amoroso
  • Disagio rispetto al proprio corpo: non piacersi per nulla, sentirsi grassi, difficoltà ad accettare eventuali difetti.
  • Dubbi sulla propria identità sessuale
  • Tensioni con i genitori
  • Problemi in ambito scolastico
  • Angosce e paure
  • Gesti autodistruttivi: più evidenti come i tentati suicidi o più sfumati come anoressia, cutting ed autolesionismo

  • Disturbi specifici dell’apprendimento: Dislessia; Discalculia.
  • Deficit dell’attenzione e dell’iperattività
  • Disturbi della disregolazione del comportamento: comportamenti aggressivi e mancanza di autonomia; atteggiamenti ostili; aggressività ed irrequietezza.
  • Consulenze genitoriali: individuali o di coppia, per sostenere il genitore nel proprio ruolo educativo/affettivo e attivare risorse e competenze.